Categorie
Risparmio

Come scegliere un piano di accumulo del capitale

In questo articolo ti abbiamo spiegato cos’è un piano di accumulo e perché è conveniente per costruire un capitale economico

Adesso non ti resta che capire come scegliere un piano di accumulo capitale.

Soprattutto se ti stai informando per la prima volta in merito a questo strumento, i dubbi sono più che leciti e forse ti stai chiedendo qual è il piano di accumulo di capitale migliore o se sia meglio scegliere un fondo bilanciato piuttosto che investire in azioni. 

Ti diciamo fin da subito che non esiste una risposta corretta in termini assoluti ma esiste sicuramente un piano di accumulo perfetto per il tuo profilo di rischio. 

In altre parole, ciò significa che esistono piani risparmio che incontrano le tue esigenze specifiche le quali ti indicheranno, ad esempio, quanto investire in base alla disponibilità finanziaria che possiedi, alla tua età e alla tua propensione al rischio (sempre con il supporto di un consulente esperto).

Piani di accumulo: fattori da considerare

Vediamo i fattori che devi considerare prima di sottoscrivere un piano di accumulo:

  1. Rendimenti: valuta con attenzione le proprie possibilità di guadagno e di risparmio, in base al tuo obiettivo e alla tua disponibilità finanziaria.
  2. Tipo di fondo: come abbiamo spiegato in questo articolo, esistono 3 tipologie di fondi (obbligazionario, bilanciato ed azionario) caratterizzati da un differente profilo di rischio. Devi individuare quello che fa al caso tuo.
  3. Coperture assicurative accessorie: valuta il tuo interesse a destinare una piccola parte del tuo risparmio a tutelare te e i tuoi cari dagli imprevisti.
  4. Rata e periodicità: la scelta dell’importo della rata e la frequenza dei suoi versamenti sono da stabilire, oltre che in base alle tue possibilità, anche in relazione al tipo di costo imposto tramite diritti fissi da parte del fondo di investimento a cui ti stai rivolgendo.
  5. I costi, a cui abbiamo dedicato il paragrafo successivo. 

Tieni presente che questi cinque elementi della polizza risparmio sono strettamente correlati tra loro e che la modifica di uno comporta la variazione di tutti gli altri.

Quanto costa un piano di accumulo?

Quando hai a disposizione più piani di accumulo, nel confronto devi comparare queste tipologie di costi e commissioni che vengono applicate ai risparmiatori:

  • costo di sottoscrizione: a seconda del prodotto può variare da una percentuale del valore di ogni rata versata (caricamento) ad una commissione sul totale dell’accumulo previsto. In quest’ultimo caso , per alcuni fondi di investimento il pagamento delle commissioni totali viene richiesto per il 30% al momento della sottoscrizione mentre le parti restanti vengono ripartite tra i versamenti successivi;
  • costo di chiusura anticipata: è penalizzante ma si riduce con il passare del tempo. Si tratta di un costo che puoi evitare se al momento dell’apertura del tuo piano di accumulo hai consolidato un fondo per le emergenze e valutato la tua reale disponibilità economica;
  • spese di gestione;
  • diritti fissi: specificati al momento della sottoscrizione, sono un costo che viene trattenuto sull’importo di ogni singola rata. In base alla percentuale dovresti trovare il numero di rate annuali più conveniente. 

Piani di accumulo a confronto: perché il nostro è vantaggioso?

Anche noi abbiamo effettuato un confronto tra i piani di accumulo disponibili sul mercato e abbiamo deciso di illustrarti i vantaggi del nostro piano di risparmio e protezione:

  • ha la libertà di organizzare con efficacia e flessibilità il tuo percorso di risparmio sia durante il periodo di accumulo (con la possibilità di incrementarlo se possiedi disponibilità aggiuntive o di saltare il versamento programmato attraverso il servizio Stop e riparto) sia al termine del piano, potendo scegliere tra il riscatto del capitale o la garanzia di una rendita vitalizia;
  • i tuoi risparmi vengono investiti con la massima efficacia grazie ad uno dei due percorsi finanziari disponibili che collocano il denaro attualmente il 50% in linee di OICR ed il restante 50% in gestione separata GESAV. Inoltre, puoi cambiare percorso al mutare delle esigenze e in base ai cambiamenti di mercato;
  • tutti i percorsi finanziari si sviluppano in 3 fasi correlate al tempo mancante alla scadenza del piano di risparmio: accumulo, salvaguardia e consolidamento

Oltre a questo, puoi beneficiare di una serie di garanzie e protezioni che vanno a tutelare il tuo futuro e a difendere i tuoi obiettivi da eventi avversi.

Ad esempio, scegliendo il servizio Traguardo Plus, hai la garanzia di portare a termine senza difficoltà il piano di risparmio nel caso in cui un evento inatteso dovesse causare invalidità o inabilità, mentre con Proteggo Plus tuteli il futuro dei tuoi cari in caso di scomparsa prematura.

Infine, puoi contare su altre prestazioni e servizi come ad esempio il versamento anticipato di tre annualità da parte della Compagnia nel caso ti venga diagnosticata una grave malattia.

Il nostro piano spiegato con degli esempi

I fatti reali sono sempre il miglior modo per spiegare qualcosa chiaramente: eccoti quindi due esempi pratici che descrivono bene in cosa consiste il nostro piano di risparmio e protezione.

Se sottoscrivi il nostro piano di accumulo mettendo a disposizione una somma di 30.000 €, puoi scegliere di investirne 28.000 che fruttino interessi e destinarne 2.000 a fondo perduto per attivare servizi da utilizzare per far fronte a un imprevisto. Immagina, adesso, un altro caso con due genitori che decidono di mettere da parte dei soldi per l’università dei figli, diluendoli nel tempo e programmando la possibilità di prelevarli al bisogno.

In caso di morte o inabilità/invalidità del genitore assicurato, la nostra compagnia restituisce il capitale maggiorato a causa del decesso o una serie di garanzie a tutela della famiglia (cosa che con un semplice piano di accumulo non sarebbe possibile!).

Vuoi saperne di più sul nostro piano di risparmio e protezione?

Rispondi